fisiatria

14 Giugno 2019

Conoscete la differenza tra fisiatria e ortopedia?


Una domanda che ci ponete spesso è quale è la differenza tra ortopedico e fisiatra...proviamo a fare chiarezza!

Il fisiatra è un medico che ha conseguito una laurea in Medicina e Chirurgia e successivamente si è specializzato in Medicina Fisica e Riabilitativa.
Segue tutti gli aspetti della gestione della disabilità a seguito di un trauma fisico, di un intervento chirurgico, di un ictus oppure in caso di disabilità congenita o acquisita.
Nello specifico il fisiatra si occupa del recupero funzionale soprattutto negli esiti, ad esempio dopo interventi chirurgici ortopedici o traumatologici, oppure si occupa di curare problemi cronici che colpiscono il paziente e che non possono essere risolti con un intervento del bisturi.
Il trattamento fisiatrico è utilizzato per trattare malattie traumatologiche, ortopediche, reumatologiche, neurologiche. Il fisiatra quindi è una figura medica che si rapporta ad un’area interdisciplinare molto vasta e collabora con molte branche specialistiche.
A seconda del caso clinico, il fisiatra elabora percorsi riabilitativi personalizzati valutando l’impiego di fisioterapia strumentale, manuale, ginnastica medica e vari ausili.
Il fisiatra dunque affronta le patologie dell’apparato muscolo-scheletrico essenzialmente sul piano conservativo e non chirurgico.

L’ortopedico è un medico chirurgo che ha conseguito una laurea in Medicina e Chirurgia e successivamente ha completato il percorso di studi con una specializzazione in Ortopedia e Traumatologia.
L’ortopedico deve aver maturato conoscenze teoriche e sviluppato capacità professionali nel campo della fisiopatologia e della terapia, sia medica che chirurgica, nelle sue varie modalità d’intervento: correttiva, ricostruttiva e sostitutiva.
Più semplicemente è un medico specializzato nella diagnosi e nel trattamento dei problemi del sistema muscolo-scheletrico (ossa, articolazioni, legamenti, tendini, muscoli e nervi) e può ricorrere all'intervento chirurgico per risolvere i problemi del paziente.
Quando un ortopedico visita il paziente ne valuta le condizioni fisiche, individua il tipo di deformità, anomalia o danno a carico dell’apparato muscolo scheletrico, anche con l’ausilio di esami diagnostici ed elabora una terapia.

Ovviamente le due discipline sono complementari e i due medici possono collaborare tra loro. Se avete dei dubbi, rivolgetevi alla segreteria, vi sapremo indirizzare dal professionista che sarà in grado di risolvre i vostri problemi.