osteopatia-termite

30 Agosto 2019

Odontoiatria e Osteopatia: un approccio mutlidisciplinare efficace


Il sistema della masticazione, quindi denti e mandibola e i muscoli che la muovono, sono in continuità da un punto di vista anatomico e funzionale con numerosi sistemi del corpo, il che significa che una bocca sana assolve correttamente a tutte le sue molteplici funzioni: masticazione, deglutizione, fonazione, respirazione, funzione cognitiva-emotiva, postura.
L'osteopatia può migliorare e risolvere definitivamente patologie ortodontiche che possono influenzare queste funzioni, come il morso inverso anteriore.
Ne abbiamo parlato con il Dott. Termite, medico chirurgo specialista in osteopatia e libero docente di osteopatia viscerale.

"Il morso inverso anteriore, detto anche crossbite in inglese, è una malocclusione che può presentarsi abbastanza precocemente nei bambini. Si verifica quando i denti inferiori sono più sporgenti di quelli superiori.

La causa più frequente di questa problematica va ricercata nell’abitudine viziata della deglutizione infantile. Per inghiottire la saliva il soggetto “succhia” la saliva contraendo labbra e guance. La spinta delle guance dall’esterno verso l’interno spinge sui denti ed ha maggiore effetto sui denti superiori, perché l’osso che li sostiene (il mascellare superiore) è meno resistente della mandibola. Il palato, di conseguenza, rimane più stretto.

Quando i denti sono nella corretta posizione, la parte superiore dovrebbe stare come un coperchio sopra una pentola, quindi sormontare leggermente la parte inferiore. Nel caso di questa malocclusione, abbiamo una inversione completa, cioè la parte inferiore tende a sporgere di più.

Per correggere il morso inverso anteriore è doveroso affrontarlo precocemente fin da bambini, quando si è ancora in presenza dei soli denti da latte."


Il Dott. Termite riceve nel nostro poliambulatorio Physiomed di Treviso.