training autogeno

25 Gennaio 2019

L'importanza del Training Autogeno


Italo Calvino diceva: "Rilassati, raccogliti, allontana da te ogni altro pensiero. Lascia che il mondo che ti circonda sfumi nell’indistinto."
Imparare a rilassarsi non è mai stato tanto importante come in questo momento storico, e il training autogeno oltre ad essere una tecnica di rilassamento è anche uno strumento per il cambiamento, parola della Dott.sa Pamela Formaggi, psicologa e psicoterapeuta.

In cosa consiste il training autogeno? Come cambia la vita delle persone?
Il training autogeno oltre ad essere una tecnica di rilassamento è un vero e proprio strumento di cambiamento. Tramite esercizi mentali basati sulla ripetizione di frasi e sull’utilizzo di immagini, si possono ottenere benefici in tre ambiti:
1. Fisiologico: interviene sia sul sistema nervoso autonomo (che gestisce le risposte fisiologiche alle emozioni), che sul sistema endocrino (responsabile della gestione ormonale).
2. Fisico: agisce sull’intero corpo e, se praticato costantemente, aiuta a mantenere o ripristinare la salute e il benessere, affrontando stress e patologie fisiche.
3. Psicologico: aiuta a raggiungere un maggiore controllo dello stress, delle reazioni emotive e dei pensieri, incrementando la consapevolezza di sé e l’autostima.

In quali ambiti può risultare utile?
Gli ambiti di applicazione del training autogeno sono molteplici:
- Gestione dello stress e dell'ansia
- Potenziamento delle capacità mnemoniche e di attenzione
- Miglioramento delle prestazioni (scolastiche, lavorative, sportive ecc...)
- Gestione dei disturbi psicosomatici (tachicardia, cefalea, gastrite, dolori cervicali ecc...) e dell'insonnia
- Trattamento del dolore (ad esempio nel parto)
- Conoscenza di sé e autostima.